Un tecnico levabolli, si occupa di rimuovere le piccole ammaccature auto o bolli da grandine, senza l’utilizzo di stucchi e vernici, mantenendo così l’originalità dell’auto.

In questo articolo elencheremo a livello tecnico le varie metodologie di riparazione di piccole ammaccature auto.

Come prima cosa, è importante sapere che l’intervento di un levabolli trova la maggior efficacia qualora la vernice della propria autovettura risulti integra.
Se così non fosse, il levabolli può intervenire ma sarà sempre necessario anche l’intervento di un carrozziere per riverniciare la vettura.

Il levabolli interviene quindi principalmente su:

  • Piccole ammaccature auto di ogni origine
  • Sportellate
  • Ammaccature da grandine

Una volta individuato “il problema”, il tecnico levabolli provvederà a posizionare l’auto all’ombra ed a collocare delle particolari luci a LED intorno alla vettura, in modo da avere una visione più dettagliata delle piccole e medie ammaccature.
L’utilizzo della luce è indispensabile in quanto spesso ad occhio nudo le ammaccature sono poco visibili. Per questo motivo è impossibile riparare un auto sotto il sole o nel parcheggio scoperto di casa propria.

Successivamente, in base alla collocazione ed alla grandezza del bollo si valuta quale sistema di riparazione utilizzare e si inizia ad intervenire.

Per riparare danni da grandine o piccole ammaccature esistono due tecnologie differenti:

  • L’utilizzo di Leve
  • L’utilizzo di Colla e Ventose

Le leve sono strumenti fondamentali per i tecnici che in poco tempo ripristinano l’ammaccatura dell’auto “massaggiando” da sotto la lamiera senza danneggiare né scheggiare la vernice.
Una volta individuati i bolli, viene selezionata la leva adatta alla circostanza ed inserita all’interno degli scatolati in modo da collocarsi con la punta esattamente sotto all’ammaccatura.

Il principale problema dell’utilizzo delle leve è quindi riuscire a collocarsi esattamente sotto l’ammaccatura per riuscire ad eseguire la riparazione.
Per esempio, qualora le ammaccature siano sul tetto è necessario smontare il cielo per utilizzare le leve, se si trovano invece nello sportello è necessario inserire la leva nella fessura del finestrino ed utilizzare un apposito pannello per non graffiare il vetro, ogni ammaccatura è valutata volta per volta.

Per ripristinare la lamiera quindi viene eseguita una pressione da sotto per diversi minuti fino a quando la carrozzeria non torni al suo stato originale. Ciò avviene ovviamente senza scheggiare né rompere la vernice dell’auto garantendone così l’originalità.

 

Nel video sovrastante possiamo notare il movimento della lamiera conseguente alla spinta della leva

Le ventose, invece, sono adatte per lo più dove è impossibile collocarsi con le leve, come ad esempio sui montanti di un automobile.

Per utilizzare le ventose è necessario l’utilizzo di un’apposita colla. La ventosa viene poi collocata sopra all’ammaccatura e, tramite l’utilizzo di un martello scorrevole, viene tirata per risollevare la lamiera.
Questa tecnica è molto complicata e spesso solleva troppo la lamiera, per cui il più delle volte si deve intervenire per riabbassarla e livellarla con il resto del pannello.

Ventose appoggiate sui bolli

Ci sono diversi fattori che accomunano queste tecniche diverse:

  • Riparazione in breve tempo
  • Eliminazione dell’utilizzo di stucchi e vernici
  • Costi ridotti
  • Ecosostenibilità

In questi ultimi anni il levabolli viene sempre più richiesto sia da privati, che carrozzieri e assicurazioni. Tutto ciò grazie alla precisione, velocità e costi inferiori nella riparazione di ammaccature auto e bolli. Il nostro successo è vedere la soddisfazione del cliente nella riparazione della propria auto conservando il suo valore originale.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.